Il Consiglio dei Ministri novella il Codice Privacy

3 Agosto 2018

Il Consiglio dei Ministri si è riunito mercoledì 8 agosto 2018, alle ore 20.30 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Giuseppe Conte, al fine di approvare sette decreti legislativi di adeguamento dell’ordinamento interno alla normativa europea, tra cui l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679 (di seguito anche GDPR) che abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento generale sulla protezione dei dati).

La decisione del Consiglio dei Ministri

Con il comunicato stampa n. 14 al punto 2, il Consiglio dei Ministri ha annunciato che dopo l’esame di una commissione appositamente costituita, al fine di semplificare l’applicazione della norma, si è deciso di:

Alla luce di quanto deciso dal Consiglio dei Ministri, il Codice Privacy resterà ancora in vigore con alcune revisioni ed integrazioni; anche i Provvedimenti, le autorizzazioni ed i Codici deontologici continueranno ad essere applicati fino alla loro revisione.

Le novità introdotte

Il testo definitivo non è ancora pubblico, tuttavia rispetto la bozza presentata, si elencano di seguito le novità di maggior rilievo che potrebbero essere introdotte:

Labor Project vi terrà aggiornati sugli sviluppi e darà indicazioni per visionare il testo definitivo approvato appena sarà reso pubblico.

 

Fonte: Governo.it e LaRepubblica.it