Si chiamerà “Eu-Us Privacy Shield” - ossia “Scudo per la privacy Eu-Us” - il nuovo meccanismo che permetterà il trasferimento sicuro di dati personali dall’Europa all’America e che comporterà un maggior rigore nella protezione dei dati, nonché incisivi poteri di controllo alla Federal Trade Commission e al Dipartimento del Commercio Usa.
Il nuovo accordo si basa sull’impegno degli Stati Uniti a rispettare obblighi vincolanti nel trattamento di dati personali, a non sottoporre i dati trasferiti a sorveglianza indiscriminata e di massa e ad accedere a tali dati solo in determinate circostanze e seguendo regole e procedure ben precise.
Maggior tutela per la privacy dei cittadini europei che potranno presentate ricorsi, richieste e reclami all’istituendo Difensore Civico, qualora ritengono violata la riservatezza dei propri dati.